La Grande Guerra in Lombardia

Intanto si era fatta notte e s’era levato il vento sinistro della steppa invernale. Quel vento dannato che ti caccia la neve nelle orecchie, negli occhi, nel collo e nell’anima, quel freddo che ti eccita, ti ubriaca fino al delirio.

- Carlo Gnocchi, (cappellano)

Chi ha tempo per la festa? Gli uomini sono partiti per obbedire ad una bandiera… Quando saranno morti tutti, chi saluterà la bandiera?

- Guido Uberti, (sceneggiatore)

Di che reggimento siete fratelli? Parola tremante nella notte. Foglia appena nata Nell’aria spasimante involontaria rivolta dell’uomo presente alla sua fragilità Fratelli.

- Giuseppe Ungaretti, (poeta)

con il contributo di:

Logo_Regione Lombardia

https://www.regione.lombardia.it/

Back-To-Top